Accidia e voyeurismo

Si preoccupa per il fisico non piuccheperfetto e per l’hotel non piuccheperfetto. Hai avuto la tentazione di scrivergli “Oh tu miserabile, neanche una suite in un cinque stelle!” ma subito ti è venuto il terrore che non cogliesse l’ironia e ti prendesse sul serio. Sul fisico c’è poca ironia da fare: dovresti semplicemente realizzare quel che gli suggerisci, spogliarlo e così nudo metterlo in cerchio con altri nuovi uomini di pari età. Ma sei ingenua, anzi no, testarda: sai benissimo che il giudizio promana da un paragone interno, ideale, non da un confronto con il mondo là fuori (quale, poi?). Sai che saresti come lui, se per te il fisico fosse così tanto l’altra faccia di qualità metafisiche.

(Tu e il tuo fisico inutile, lasciato a se stesso a smagrire – adieu, massa magra, muscoli e tonicità – giochi a fare l’eremita che non solo fugge dai propri simili, ma anche dal proprio corpo.)

Poi tasti le cosce di VB e, tra le tante cose che ti fanno venire in mente, questa volta a uscire dal cappello magico è Giovanni dalle Bande Nere. Le gambe di VB, che nella loro migliore forma – quella che tasti oggi e hai tastato ieri e tasterai domani – sono due colonne contro cui ti piace accasciarti, ti ricordano persone che si ergono e mantengono l’equilibrio – su un cavallo, su una nave, poco importa.
Quando ne scriverà?
Non ti viene in mente persona più adatta per scriverne. Se non ne scriverà, un lato di quel Giovanni – quello che intravedi guardandolo da qui, dal tuo punto di vista – non avrà mai precisa forma. Odi gli sprechi.

(Poi torni a te, gambe incrociate sulla poltrona da ufficio, le tue informi inutili gambe. Per fartele piacere le estremizzi, raffigurandotele come due barrette stilizzate. Così hanno un certo fascino. Sublimati, sublimati, creatura che non ha voglia di riattivare il proprio fisico. E’ da giorni che osservi gente ballare, e non deve essere un caso: vivi in loro quella spazialità che in te ignori. Hai sempre goduto, in fondo, del piccolo sacrificio richiesto al corpo in nome di una superiorità della mente. Non che la mente lo richieda, ma shhh!, non distruggere questo consolante giochetto tra te e Te.)

E a proposito di mente…
Manda quella delirante recensione. Metti l’offerta sull’altare. Altrimenti come giustificare tutto questo spreco?

Annunci

One comment

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...