Kitsch andante.

Non sono morta, mie deprecabili creaturine, ci ho solo lavorato intensamente.
Ho finito il secondo paper (ringraziamo con un inchino Ghiro a tal proposito) e l’ho spedito, sgravandomi di tale parallela incombenza. Per fortuna – non vorremo annoiarci? – sono rimaste tutte le altre, tra cui il rimettermi in pari con l’università.
La sottoscritta non è mutata, come studente, anzi: il soggiorno nella tedesca terra ove gli studenti sono attivi e creativi e non passivi e assorbenti (come la carta con cui pulite, sì) ha accentuato il mio interventismo, e non in senso militare. Sono ancora quella al primo banco. Sono quella a cui una tizia chiede: “Ma sei tu quella che risponde sempre alla professoressa X? Ma riesci a capirla quando parla?” “Non sempre, accento italiano troppo pesante”. Non è vero, fingo: ormai la capisco. E poi si sottotitola da sola quando usa phrasal verbs più complessi di to end up. Tenera creatura che litiga con la connessione lentissima dell’università (da cui scrivo) e a cui spedirò un link per scaricare video da youtube, così smettiamo di aspettare eoni. Povera tenera bastarda creatura che ci fa analizzare discorsi British: Brown, Blair, Cameron, la Regina – di cui ha elogiato la pronuncia. Affondate quell’isola, per favore, io odio il BE, figli di una baldracca che odio sempre più perché me li impongono – altrimenti mi starebbero simpatici, davvero. I britannici a Kiel erano la mia compagnia preferita, e l’emerito docente canadese in realtà è britannico. Non è colpa loro, è colpa dei colonizzati – culturalmente e non – che imparano la scala gerarchica delle pronunce britanniche e vivono con questo senso d’inferiorità linguistico acquisito che cercano di superare imponendoti di parlare come un cazzo di polveroso damerino represso sessualmente. Non solo ha una pronuncia insopportabile (si fotta il relativismo), oltretutto non lo capisce nessuno, perché i film sono americani. E poi sono proprio quei docenti con un riconoscibilissimo accento italiano a rompere i coglioni sulla pronuncia BE, capite? È insopportabile. Fateli mettere in fila e sterminateli a colpi di oggettistica a random acquistata in un pornoshop.
Ma comunque.
In questi giorni ho anche fatto altre cose, oltre che inveire contro i britannici acquisiti. Ho trascritto tutto Gioco della rosa e lo sto correggendo, adesso. Ho anche trascritto le poche pagine vergate sotto la parola-chiave Racconto Kiel, o Echidna. A proposito di scrittura, domani sera sono a Milano alla presentazione di 365 racconti erotici, che se non sbaglio è la seconda (per la prima, sempre che sia effettivamente avvenuta, ero un po’ troppo lontana per partecipare, dalle parti del confine tedesco con la Danimarca). Dato che sono una creatura essenzialmente essenziale e oziosa, intuirete che se ci vado è per due motivi:
1) C’è dentro un mio pezzo.
2) Così incontro amici che non vedo da tempo (chiamate se volete unirvi; ho già una dama per la serata, ma siamo progressisti e posso averne più d’una).
(L’opportunismo è una forma acuta di intelligenza.)
Sempre a causa della mia accidia e del mio poco feticismo (bella scuse, nevvero?) non ne ho ancora una copia.
Dopo la presentazione pernotterò da S., che gentilmente mi ospita; mattino dopo in università, e lo stesso giorno arriva VB; sabato c’è la festa di compleanno di Mater (a tema, secondo un’usanza rubata alla Matre Patria Tetesca – il tema è il kitsch).
Se tra tutte queste cose riesco a dormire, beh… Esprimerò gratitudine a una divinità ignota. Un Loa, probabilmente, tanto si stanno estinguendo con i loro cultori.
Andiamo a “Diritto costituzionale comparato”, dose masturbatoria quotidiana.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...