Neo-HooDoo.

Mi godo un Typhoo dopo una doccia bollente di mezzanotte. Me l’ha consigliata Sedlacek quando ho finito di scrivere il paper, e tendo a fidarmi di Sedlacek: con tutti i reati commessi e agevolati è ancora in giro a piede libero. Non che io abbia commesso reati tra le 12:00 e le 23:00 di oggi. Ero occupata a scrivere il paper di cui sopra, che devo spedire domani. Averlo finito prima delle 23:00 mi ha però messo addosso quel lieve senso di colpa di chi se l’è cavata a buon prezzo – sì, me la sono cavata a buon prezzo, avevo Ghiro a ripassare su possibili cazzate che avevo scritto. Non intendo solo gli errori. Intendo logiche illogiche che poi non ritrovi più. Scrivere è un po’ matematico, non trovate? No? Perché siete dei fottuti emotivi, ecco perché.

Mi godo un Typhoo senza zucchero né latte e mi manca Al. Ho pensato all’ipotesi di scrivergli un “I miss you” su Facebook, gratuito. Sarebbe stata un’ottima occasione per essere essenziale e tenera come non lo sono mai, ma d’altro canto non avevo molto altro da dire. Non ho tempo per pensare a molto altro, procedo a sensazioni. Bevo il mio Typhoo e quindi mi viene in mente Al. Di nuovo. Avrei potuto scrivergli un messaggio privato, direte voi, ma che senso ha un “I miss you“? Meglio perdere tempo sul LJ. E poi lo avrei tediato con il Typhoo andando off topic, e non è carino andare off topic in un messaggio che inizia con “I miss you“, dai l’impressione di essere semplicemente annoiato (e, sì, mi piacerebbe avere il tempo di esserlo), mentre se scrivi sul tuo LJ pubblico e per caso finisci col citare qualcuno gli dai una certa importanza. Vi rendete conto di questo paradosso?

L’IPod mi infila nelle orecchie canzoni ascoltate l’ultima volta in Germania. Dovrei updatarlo, ma non so con cosa. Sono stressata, stressata, stressata. Ieri ho avuto mal di testa, e l’ho avuto anche oggi. Stanotte non sono riuscita a dormire, vagando in un dormiveglia tenuto a galla da un’implacabile frenesia. Capita anche a Sedlacek, ogni tanto, ma nel suo caso non è frenesia. Qualche mala voce benintenzionata direbbe che è coscienza, ma sbaglia: Sedlacek ha un ottimo rapporto con la propria coscienza, sono dirimpettai.
Ho voglia di scrivere, si nota?
Ma non è la voglia di scrivere a far pop-uppare Sedlacek. Sedlacek pop-uppa a causa di un abuso di inglese formale. È l’uso di lingue a livello formale – non importa quali – a far pop-uppare Sedlacek, esattamente come un certo genere di briosa musica classica risveglia in me una gioiosa crudeltà. E io non sono crudele, non mi serve. Ma con la briosa musica classica è inevitabile, inutile, vano, vanitas, spreco.

Ho scoperto la parola lenone e me ne sono innamorata. Significa “vile mezzano”, come dice il dizionario etimologico. Non trovate “vile mezzano” altrettanto stupendo? Dire che un lenone è un vile mezzano poi è catartico.
Ma comunque non amo il termine “lenone” per lo stesso motivo per cui gongolo dinnanzi a “vile mezzano”. “Lenone” viene dalla stessa radice di “lenire”, ed è colui che con blandizie e seduzione agevola l’altrui prostituzione. Insomma, si prostituisce per far prostituire, seduce lenendo i vostri mali.
Non è stupendo?

Nell’Ipod passa Einaudi con Primavera e mi ricorda, di nuovo, Sedlacek. L’ho ascoltata guardando The Reader, l’ho ascoltata struggendomi per e con VB, l’ho ascoltata cercando con voracità corsi di diritto internazionale a Kiel e tornando a casa, a Kiel, dopo una lezione in tedesco su trattati internazionali. Ho abusato di una canzone. Le ho associato così tanti sentimenti da antropomorfizzarla – è un Giano bifronte, questa canzone, con uno spietato e placido cinismo da una parte e un desiderio troppo stretto per un animo vittoriano dall’altra. L’ho immersa in quasi tre mesi di neve bianca e soffice come il sorriso del cinico di cui sopra – è un sorriso angelico, e lo deve essere, perché serve un’eccessiva purezza per tenere a bada un eccessivo cinismo. Dopo un delitto innominabile devi lavarti le mani con sapone profumato, insomma. L’ho voluto morbido, nutriente e setoso per farmi un’idea delle dimensioni del delitto. Mi lavo ogni giorno con spezie profumate e mi cospargo di essenze, trattando il mio corpo con la dovizia che un becchino riserva al cadavere in vista del funerale. Non mi trucco, perché celerebbe il chiaroscuro del mio viso.

Il prossimo paper è sul Neo-HooDoo. Sì, si scrive così. Non è la versione new age di sanguinolenti rituali haitiani, ma un approccio all’arte. Ho letto saggi e saggi, chiedendomi se gli autori si fossero fatti un bagno nel sangue di un sacrificio prima di elencare con l’ordine strutturale di un paper tutte le caratteristiche di un movimento che il creatore volutamente non descrive. Per la cronaca, è quello che devo fare anche io. Il Neo-HooDoo si oppone alla catalogazione e inneggia alla miscegenation e io devo catalogarne ordinatamente i tratti salienti, esattamente come altri hanno fatto prima di me. Non trovate che vi sia un’intrinseca e brillante stupidità nell’essere umano? Non parlo di una stupidità complessa, ma della stupidità di un bambino che cerca di infilare un pezzo di legno a forma di stella in un buco a forma di pentagono. Ora, a me il Neo-HooDoo piace – perché devo causargli dispiacere? Se il Neo-HooDoo detta che lo scrittore deve essere cavalcato da un Loa per scrivere qualcosa di sensato, perché vengono scritti saggi eleganti su di esso? Chi prende per il culo chi? La smettiamo di prenderci per il culo? Non mi riferisco al Neo-HooDoo, parlo in generale. Facciamo finta che io sia davanti a voi, tutti in cerchio in una stanza, e con gravità vi chieda “La smettiamo di prenderci per il culo?” e voi mi capiate. Facciamo come se e voi agite di conseguenza.

Annunci

20 comments

  1. Whatever

    [mentre se scrivi sul tuo LJ pubblico e per caso finisci col citare qualcuno gli dai una certa importanza.]I was trying to understand if I could start a lawsuit for unauthorised reference of my person on a public blog, but I fear that your subtle ruse of changing my name will save you from any legal persecution. It’s a pity, I could have used the money.
    [Vi rendete conto di questo paradosso?]Indeed

    1. Re: Whatever

      [I was trying to understand if I could start a lawsuit for unauthorised reference of my person on a public blog, but I fear that your subtle ruse of changing my name will save you from any legal persecution.]
      Remember: Sedlacek is my lawyer.

      The paradox is that at first I thought I could have written the “I miss you” on your Facebook, but that would have been worse – your friends would have read it, I would have left you no choice. And my intention was not to make your friends know it (who cared?), it was just… just… Just that I didn’t think about it. No modesty, as you know.
      The world is strange.
      (The fact was that I felt guilty because last time you wrote such a smart comment on my LJ and I had no time to answer properly.)

      1. Re: Whatever

        [Remember: Sedlacek is my lawyer.]”that”.. could be a problem
        [ I would have left you no choice.] choice for what? I don’t care what people think, they usually think the wrong thing anyway 😀
        So the paradox was that you cared of what people though (in my place I must add), but at the same time didn’t . Yes you are right the world is strange
        Don’t worry, don’t feel guilty, I just wrote something that came at my mind, hoping that it would bring you a smile. I never expected anything in return, I know that at the moment you are covered with work:)

        1. Re: Whatever

          Did I let you read some stuff with Sedlacek?

          By the way… Do you want to read the paper about “The Imperialist”, Imperialist? 😛

          [choice for what? I don’t care what people think, they usually think the wrong thing anyway 😀
          So the paradox was that you cared of what people though (in my place I must add), but at the same time didn’t . Yes you are right the world is strange]
          I think it’s due to the “property” concept. That’s my LJ, you see? The British influenced me.

        2. Re: Whatever

          [Did I let you read some stuff with Sedlacek?] only some references on the LJ that made me think he is a character that.. could be a problem. Where can I find more?
          [Do you want to read the paper about “The Imperialist”, Imperialist? :P] I jolly well do! I whant to see if you were able to give a right tribute to the magnificence of the good old times!
          [ I think it’s due to the “property” concept . That’s my LJ, you see?] You mean that you prefer to write on your LJ, so that what you write remains yours? Maybe I’ve written a stupid question.. what do you mean with “property” concept?
          [The British influenced me.] we tend to do that you know..

        3. Re: Whatever

          [we tend to do that you know..]
          To this regard… Paper sent.

          [[Did I let you read some stuff with Sedlacek?] only some references on the LJ that made me think he is a character that.. could be a problem. Where can I find more?]
          I’ll give you a copy.

          [You mean that you prefer to write on your LJ, so that what you write remains yours? Maybe I’ve written a stupid question.. what do you mean with “property” concept?]
          No: in my house I can do whatever I want.

        4. Re: Whatever

          [No: in my house I can do whatever I want.] got your meaning and the paper!
          I must leave you a moment so that I can make myself a Culture.

        5. Re: Whatever

          Now I see what you do, and I see you do it well.
          Interesting paper, especially because in the future your conclusions may apply to a unified Europe itself (no, we will NOT choose German culture as our mainstream culture).
          It makes me feel like asking you a copy of all your English/Italian written papers to read, but maybe that’s pushing my luck too far?

        6. Re: Whatever

          Which papers?
          I’ve got two papers in German.
          I must write one paper about African-American identity, Slavery and so on by Sept 30th, more or less. I’ll send it to you.
          And I think the next thing I’ll write bill the the thesis about South Africa.

        7. Re: Whatever

          Ho dear!
          I keep forgetting you told me that they were required only in Kiel. It was so professional it gave the impression you wrote many more during the years. I will whait for[some stuff with Sedlacek]then

        8. Re: Whatever

          Now that was good!
          But does professionalism really need years to become such? Or is the result enough of a proof?
          The same, if you were able to educate in a certain culture a full generation, severing the ties with the old one, when the last of the oldies was dead who could say that the new one is not the original?
          In either case, are they realy fakes?

        9. Re: Whatever

          Yes, it’s too late to start the discussion now.. it is very difficult to remain “polite” with you, you know? In any case whenever you fell like.

        10. Re: Whatever

          What’s impolite about sex? I’m very polite while having sex.
          Anyway… I’m just too tired to think. I want a dinner in a nice place, like on the Navigli, do you remember? Pizza-pizza-pizza. Damn, I’m not drinking alcohol, I’m eating safe and healthy food without sugar and salt, I’m not having sex… who’s the gonnabe Jesuit here? Feel guilty. 😛
          (And open a gmail-account, so that we can chat.)

        11. Re: Whatever

          [What’s impolite about sex? I’m very polite while having sex.]… … …. I give up! Speak about children indoctrination!
          [Anyway… I’m just too tired to think. I want a dinner in a nice place, like on the Navigli, do you remember? Pizza-pizza-pizza.] I think that is easy to arrange. The problem is when you will be free from your studies.
          [I’m not drinking alcohol, I’m eating safe and healthy food without sugar and salt, I’m not having sex… who’s the gonnabe Jesuit here? Feel guilty. :P] Why? You are finally on the highroad to salvation (that is the catholic version of the more famous song of the ACDC’s)
          [(And open a gmail-account, so that we can chat.)] I’ll try in the next days.. what about skype?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...