Sigari a Boves.

Sputatemi addosso. 😀

“La avviso, sono qui per provare. Non ho studiato quanto avrei dovuto/voluto.”

… 30.
Sputatemi addosso. 😀

(Come ho detto a Soresina, tanto io continuerò a studiare.)


Ieri sera, dicendomi “tanto Storia Contemporanea lo rifaccio a settembre, inutile ripassare follemente ora”, mi sono concessa: “Ok, sei in pausa.”
E ho iniziato In viaggio con Erodoto, Ryszard Kapuściński, regalato da Jog a Natale. Ai tempi mi ero detta: “Lo leggerò quando avrò tempo”. Quando avrò tempo: 17 giugno.


Nello zaino: laptop, raccoglitore ad anelli, due libri.
9:30: appuntamento con auswaschbar, che mi consegna la merce (Q in traduzione tedesca per Kokott). Brioche, americano, succo di frutta. Appello, esame. 10:30: finito.
Da agenda: trovarsi con Earl alle 13:00.
Quindi: sgattaiolare in Hoepli e prendere a occhi chiusi il saggio italiano su Peiper. Il feticismo nazi regna sovrano, e richiede €24. E sia, è Peiper. Quelli inglesi verranno presi usati online.
13:00: Earl. Che solleva il sellino della moto e mi dà in mano una scatola 30cm x 15cm. Lo guardo. Mi guarda alzando le spalle, poi la apre, dicendo:
“Così si mantiene l’umidità giusta.”
Nella scatola: Habana, Cohiba, Cuaba, e via discorrendo. Non credo di poter descrivere l’espressione che ho avuto. Credo sia un’espressione da forziere appena aperto, o qualcosa del genere. Una commozione quasi morale.
Earl mi ha anche fatto scoprire un signor ristorante cinese in centro Milano.
Gli devo un racconto. Concernente sigari.
E inviterò lui e sua moglie e chi gli pare qui, per un tranquillo week-end (prima o poi).


Il saggio su Peiper è una ricerca condotta da un tale sulle vicende di Boves.
Wiki dice:
In testa a quelli che avrebbero martoriato il Piemonte occidentale c’era la divisione comandata da Joachim Peiper, uno che dal 1939 era stato nello staff di Himmler e aveva partecipato alla creazione del sistema concentrazionario dei Lager.
Wikipedia dà prova di grande professionalità e lucido giudizio (uno che), il tale ne dà altrettanta prendendo le posizioni dei tedeschi. La verità sta in mezzo? Non lo so. So che il tale ha fatto interviste sul posto, e ci sono sopravvissuti. Siano tutti all’ospizio, un anno fa c’erano. E io ho una scatola di sigari. E se c’è modo, io e un sigaro saremo a Boves. 5 ore di treno. Boves avrà un fottuto albergo, avendo 10.000 abitanti? Ja: Albergo Trieste, vicino a piazza dei Caduti. Dopo un tratto con dio sa quale mezzo da Cuneo a Boves.
Che i reduci sopravvivano finché avrò tempo. Grazie al Tale, ho alcuni dei loro nomi. Anche il nome della vedova di un altro tale, che con Peiper ebbe colloquio, ma che porca troia è morta.

Perché, vedete, per wikiwiki Peiper è autore di una lunga e crudele occupazione militare, per Tale sono i partigiani a essere incapaci colpevoli e Peiper è ritratto di correttezza e onore. Potrei aspettare fino alla morte una fonte non di parte a riguardo, e allora tanto vale ritrovare le singoli parti sopravvissute.

(Sto cercando di mettermi in contatto con qualcuno che ebbe contatto con la rappresentazione della mia coscienza. O_o)

6 comments

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...