Zelda

“Oh, prima che mi dimentichi… Oggi è passato un ragazzo che ti cercava per salutarti. È entrato e ha chiesto di…”
“… Di?”
“Non ricordo. È uno di quei soprannomi che usi su Internet…?”
“Ehm… Quale?
“Non lo so…”
“Snatch?”
“Snatch? Che diavolo è?”
“Un soprannome… Allora… D… Senti, con che lettera iniziava?”
“Iniziava con la… Z, sì!”
“Zelda!”
“Che diavolo è?”
“È una storia lunga… Comunque deve essere uno che non vedo da… otto anni!”
“Sì, infatti è entrato e…”

… “Stavo cercando una ragazza che lavora qui…”
“Come si chiama?”
“Zelda.”
“Zelda?! Senti, ma com’è fatta?”
“Alta così… E…”
“Capelli?”
“Rossi, lunghi fino a…”
“Serena!”
“Si chiama Serena?! Non lo sapevo, ma che bel nome!”

Quando avevo 13 anni frequentavo una ludoteca.
Quando avevo 13 anni desideravo inconsciamente gettare le basi per la futura professione di ricettatrice, e per ciò ho cominciato a cambiare soprannome ogni tot, con la conseguenza che posso trovarmi al bar con tre persone che mi chiamano in modo diverso.
Non avevo però tenuto in conto che qualcuno potesse pensare che “Zelda” era il mio vero nome.
… Un giorno qualcuno chiederà di me come del Boss? *__*


Dopo due notti con poche ore di sonno, ieri sera mi sono piazzata a letto con l’intenzione di crollare dinnanzi alla stanchezza.
Sono crollata.
Dritta fino a quello stato in cui Hypnos ti sta accarezzando, e dolci baci sulle tempie, e tu sai che il mondo rivivrà per te il mattino seguente.
… E mi sono svegliata. Del tutto.
Lucida e insonne, con la conseguenza che se ti svegli ma necessiti sonno sei rincoglionita come una mina. (Mai capita quest’espressione, rincoglionita come una mina, ma mi piace.)
Dopo aver letto del periodo dello shogunato (libro di storia che mi sto gustando), mi sono ridistesa. Hypnos ha ricominciato ad accarezzarmi e io ho vissuto una lunga fase di provante delirio, prima che venisse il buio.
Uff.

Fino a un po’ di tempo fa mi dicevo che la mia cronica mancanza di sonno al momento di addormentarmi era dovuta al mio modo non equilibrato di stancarmi: uso di troppa testa e poco fisico.
Pare non essere questa la causa.
Uff.


Mi sto gustando il librone riassuntivo di storia totale.
Lo vedo come un gran pentolone da cui assaggiare i diversi ingredienti, per cui decidere poi quali preferisco e quali meno mi convincono.
Mi piace anche il distacco con cui l’autore parla della situazione europea, lo stesso che usa per l’Oriente.
Mi dico che dovrei leggere un po’ di narrativa, da troppo non lo faccio. (Narrativa su carta, non la vostra su schermo che comunque vale :P) La mia prosa rischia di divenire vitale come quella di un saggio.
Avrei libri da leggere.
Ho libri già iniziati. Tanti. Non li ricordo neanche tutti. Ma…
… Un saggio contiene molte più informazioni a pagina.
Molti più ragionamenti, e collegamenti, e io ho fame. Non entro nelle librerie o prenderei metà dei saggi di storia/società/religione/politica/economia/arte/etcetc contemporanea. Troppe cose da sapere.
Nella prossima vita farò la fiorista e avrò così un unico fottuto campo d’interesse. Più gli hobby. (Odio la parola hobby.)

33 comments

  1. Aghghghghghghgh
    Zelda.
    evevo visto dei tuoi disegni firmati Zelda, con una calligrafia che non assomigliava affatto a quella attuale, sia che quando ho visto lo Sna me li ha ricordati?
    ghghghgh.
    Zelda.
    ma chi è che ti ha cercato, Gigi?
    baciotto :*

    1. [evevo visto dei tuoi disegni firmati Zelda, con una calligrafia che non assomigliava affatto a quella attuale, sia che quando ho visto lo Sna me li ha ricordati?]
      Tra Zelda e Jhil ho lavorato alla mia calligrafia modificandola (prima era più tonda e non inclinata). Prima di Jhil ero molto più tenerosa, tipo lo Sna 😛

      [ma chi è che ti ha cercato, Gigi?]
      Nu, un tizio di cui non ricordo il nome e che avevo incontrato alle Meridiane qualche giorno prima.

  2. Zelda? Oh jesus, mi è venuta in mente la zia di Sabrina, vita da strega :O

    (…Picchiami, ti prego. Puniscimi come solo un Seme può fare)

    Anyway, anche io ho lo stesso problema, riguardo il sonno. Per quanto riguarda me, è perché penso troppo, i pensieri si accavallano e non riesco più a dare uno stop(puoi pensare fino a star male? Oh, yes) e quindi non dormo. Pare che io sia il favorito di Thanatos piuttosto che del fratello…

    1. [(…Picchiami, ti prego. Puniscimi come solo un Seme può fare)]
      Ogni scusa è buona, ok?
      Ma io fo il Seme laido e machiavellico, indi non ti picchierò. Ti drogherò il sushi, invece.

      [Anyway, anche io ho lo stesso problema, riguardo il sonno. Per quanto riguarda me, è perché penso troppo, i pensieri si accavallano e non riesco più a dare uno stop(puoi pensare fino a star male? Oh, yes) e quindi non dormo. Pare che io sia il favorito di Thanatos piuttosto che del fratello…]
      Oh come ti capisco.
      Rare volte mi è capitato di pensare così tanto che mi girava la testa.
      O pensare così tanto e senza freni da dover accendere la luce e tornare alla realtà.

  3. [Un giorno qualcuno chiederà di me come del Boss?]
    Io, sicuramente.
    Se un giorno ti diranno che qualcuno ha cercato il Boss, sappi che sarò io.
    Fa troppo erotico chiamarti Boss, Zelda non è neppure paragonabile!^^

        1. Un giorno tutti gli uke si ribelleranno, sappilo! è_é non frigno, io e_e

          E comunque, sono un reversible tendente all’uke, non un uke u_u

          (Sna, com’è che li chiamate voi nel Triskell? Ukeme?)

        2. [Un giorno tutti gli uke si ribelleranno, sappilo! è_é non frigno, io e_e]
          L’hanno fatto sull’Ysal quando è stato creato il Seme Rulez con annesso recinto Uke.
          Dopo l’azione congiunta di me, Flo e Hyo – con la dolcezza di Flo, l’ironia inflessibile di Hyo, e una mia teoria per cui “Recinto degli Uke” era una citazione colta sulla scia di Miðgard (“Recinto di mezzo”), il Recinto Uke si è popolato.

          [(Sna, com’è che li chiamate voi nel Triskell? Ukeme?)]
          Non saprei, dipende da persona a persona. È Bryn la capa dei Reversible. Io li chiamo piumini: li giri a seconda della stagione.

        3. Non saprei, dipende da persona a persona. È Bryn la capa dei Reversible. Io li chiamo piumini: li giri a seconda della stagione.

          E’ svilente, dovrebbe darmi fastidio questa definizione.

          Ma è troppo geniale per non apprezzarla.

          Ah, ti odio e ti amo! XD (memento catulliano)

        4. [E’ svilente, dovrebbe darmi fastidio questa definizione.]
          Oh, consolati: in fondo in fondo (in verità, neanche troppo: basta entrare) considero i reversible la soluzione definitiva.
          Il problema è che il mondo è Uke e per confronto risulto Seme… *rolleyes*

        5. Ukeme e Semuke erano stati un parto collettivo a cui anch’io avevo partecipato, Bios?

          C’è anche la definizione Mesotes…

          [Un giorno tutti gli uke si ribelleranno, sappilo!]

          Sto già preparando i fazzoletti per l’innalzamento del mare dovuto alle secrezioni lacrimari e mi sono anche preparato una cura anti-diabetica… *evilgrin*

          (…ma davvero sembro così Seme?)

        6. [Ukeme e Semuke erano stati un parto collettivo a cui anch’io avevo partecipato, Bios?]
          Cioè?

          [(…ma davvero sembro così Seme?)]
          Ma non dire stronzate.

      1. Anche Meridiana è una location del fumetto. Cmq il gioco della Nintendo è del 1986 mentre Cybersix venne pubblicato 6 anni dopo, nel 1992. (Gnè gnè gnè)
        A casa mia la chiamano cultura di base. 😛

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...